amplificatore per auto

Consiglio amplificatore per auto? Ecco come fare la scelta

Vuoi migliorare la qualità sonora delle canzoni che ascolti in auto grazie a un amplificatore? Questa è un’ottima idea.

Gli amplificatori per auto non solamente ti permettono di ascoltare i brani a un volume più alto ma migliorano nettamente la qualità del suono rendendolo più limpido e meno metallico.

Il problema è che ci sono tantissimi amplificatori sul mercato di dimensioni, forme, numero di canali, ingressi e potenza completamente diversi.

Come acquistare quello giusto?

È il vero grande dilemma di chi si avvicina per la prima volta a questo mondo ed è l’esatto motivo per il quale, nel corso di questa guida, vogliamo darti qualche consiglio su come scegliere l'amplificatore per auto più adatto a te.

Prima di passare agli aspetti tecnici veri e propri, è necessario capire bene cos’è un amplificatore e qual è la sua funzione. Conoscere queste informazioni è indispensabile durante l’acquisto per sapere se hai davvero necessità di un simile strumento e non di una migliore autoradio per la tua auto, ad esempio. Ma ti aiuterà anche a scoprire quanti canali deve possedere, di quale potenza di suono ha bisogno un subwoofer e così via.

In realtà, il metodo migliore per migliorare la qualità del suono all’interno della tua auto sarebbe quello di sostituire l’autoradio di serie e installarne una di target più elevato. Il problema è che oggi le radio sono sempre più complesse e sofisticate, questo rende davvero impegnativo sostituirle del tutto.

Cosa fare allora? La soluzione più pratica è quella di aggiungere un amplificatore, altoparlanti e un subwoofer se ti piacciono i bassi potenti.

Gli amplificatori di oggi sono progettati per interagire facilmente con i modelli di radio generalmente presenti nelle auto. Sono piccoli e vantano dei design creativi che non rovinano gli interni.

Cosa sono gli amplificatori per auto

L’amplificatore è uno strumento che sfrutta l’elettronica per aumentare il piccolo segnale musicale che esce dai normali stereo trasformandolo in un’onda elettrica molto più potente gestita dagli altoparlanti. Il risultato è un volume più elevato ma anche una qualità superiore del suono.

Normalmente le radio da auto non forniscono una grande potenza di suono e questo è il motivo per cui la musica ha una qualità mediocre.

Come funziona un amplificatore per auto? Attraverso una particolare alimentazione interna, gli amplificatori prendono il segnale dello stereo e lo potenziano, trasmettendo poi l’impulso agli altoparlanti che lo trasformano in suono.

Lo stereo della tua auto sicuramente possiede un amplificatore incorporato. Tuttavia, questi dispositivi non sono molto potenti e potresti notare poca differenza rispetto a una radio che ne è sprovvista.

La maggior parte degli stereo di fabbrica non possiede un amplificatore separato ma questo non è un problema, perché sul mercato esistono tantissime soluzioni a ingressi e canali diversi e molto semplici da installare.

Fortunatamente, molti amplificatori hanno gli ingressi all’altezza degli altoparlanti e puoi quindi collegare i cavi degli altoparlanti stessi all’amplificatore. Essendo allacciato alla radio, regolarizzerà il segnale prodotto dalla stessa per riprodurlo con una maggiore potenza e senza distorsioni.

Sapere cos’è un amplificatore è quindi il primo passo per capire se il problema che riscontri nella musica che ascolti può essere facilmente risolto da questo strumento oppure no. In realtà, il potenziamento del suono non è l’unico motivo per cui potresti aver bisogno di un amplificatore. Vediamo insieme gli altri.

Perché aggiungere un amplificatore alla propria auto

amplificatore per auto

La principale ragione per cui le persone acquistano gli amplificatori è migliorare la qualità del suono. Non importa se vuoi riprodurre la musica a tutto volume oppure tenerla come sottofondo durante i lunghi viaggi, una musica di qualità si ascolta sempre volentieri in qualsiasi situazione.

Il primo vantaggio dell’amplificatore è quindi quello di aggiungere all’autoradio una fonte di alimentazione in grado di restituire un suono pulito senza gravare esclusivamente sugli altoparlanti.

Uno dei principali limiti degli amplificatori integrati è quello di essere ridotti allo spazio disponibile nella vettura, contribuendo ben poco a migliorare la qualità del suono. Diversamente, uno strumento scelto ad hoc è in grado di rispondere molto meglio alle necessità della singola persona che può sceglierlo tra una vasta gamma di soluzioni.

Il secondo grande vantaggio degli amplificatori è quello di alimentare i subwoofer per i bassi, i quali necessitano di una potenza molto maggiore rispetto a quella fornita dallo stereo di serie. In realtà, potresti far funzionare il tuo subwoofer anche senza amplificatore, ma il suono resterebbe mediocre. Esistono addirittura tipologie studiate appositamente per portare al massimo la resa finale del subwoofer.

Infine, gli amplificatori potenziano anche gli altoparlanti. Per ottenere un suono migliore non è sufficiente sostituire questi ultimi, ma aggiungere un amplificatore che integri le funzionalità degli altoparlanti. Soprattutto nel caso in cui tu decida di sostituire quelli di fabbrica per installare un modello più professionale e completo, avrai sicuramente bisogno di una potenza che la radio originaria non può fornirti.

Nel caso di un’unità centrale scadente, può darsi che tu debba acquistare anche un’autoradio. Sappiamo che la spesa all’inizio può sembrarti elevata, ma ti saprà ricompensare sulla lunga distanza.

Vuoi dare un tono in più al tuo sound, giusto?

Passiamo ora a qualche consiglio sull’amplificatore per auto analizzando l’aspetto più pratico. La prima strada che puoi tentare per migliorare la qualità del suono prodotto dalla tua auto è quella di contattare la casa madre e chiedere se hanno a disposizione uno stereo maggiormente performante.

Di solito le radio di serie possiedono solo le funzionalità base, tuttavia le case automobilistiche mettono anche a disposizione strumentazioni avanzate per chi le richiede espressamente. In questo caso sei sicuro che il nuovo sistema acquistato sia perfettamente compatibile con la tua auto e che non alteri l’aspetto originale degli interni.

Quando parliamo di potenza dell’amplificatore ci stiamo riferendo alla potenza con cui invia il segnale audio agli altoparlanti. In gergo si parla di RMS, ossia Root Mean Square. Il valore RMS si ricava da un calcolo matematico che trova la quantità di potenza che un dispositivo elettronico riesce a gestire senza distorcere il suono.

Le autoradio installate dalla casa madre hanno solitamente un valore RMS di circa 10 watt e per questo il suono prodotto sembra metallico e gracchiante. Dato che chiamare la casa automobilistica o la concessionaria per farsi cambiare la radio con un’altra della stessa marca non è economico, molti scelgono la strada dell’amplificatore esterno.

In questo secondo caso non è necessario sostituire la radio originale ma aggiungere un amplificatore, disponibile in un diverso numero di canali in base alla strumentazione di base a cui va collegato.  

Come abbiamo detto all’inizio, oggi esistono così tante tipologie di amplificatori per auto di dimensioni, forme e colori diversi da non doverti preoccupare più di tanto che stoni con gli interni. La vasta scelta presente sul mercato ti permetterà di trovare il modello più adatto agli interni della tua vettura.

Di quanta potenza ha bisogno il tuo impianto per suonare bene

amplificatore per auto

È ormai chiaro che il valore chiave quando si parla di amplificatori è l’RMS. Ciò che devi sapere è che non esiste un numero standard da cercare durante l’acquisto perché questo valore cambia in base al modello. Ogni sistema audio è diverso in base allo scopo per cui è stato creato e deve essere scelto in relazione all'impianto installato sulla vettura.

Anche se non esiste un unico valore, la potenza è ciò che devi cercare e la troverai sempre espressa all’interno delle specifiche del modello scelto. Nelle caratteristiche troverai informazioni come il voltaggio, il wattaggio e la potenza in uscita calcolata in watt.

Nel caso in cui dovessi trovare indicato un intervallo al posto di un numero ben definito, il valore più alto è sempre quello in cui, secondo il produttore, il sistema dovrebbe funzionare al meglio.

Un consiglio sull’amplificatore per auto che devi sempre tenere a mente è che questo deve dialogare con gli altri dispositivi elettronici, come gli altoparlanti. Ciò significa che il valore RMS per canale dell’amplificatore non deve superare il valore massimo RMS di ciascun altoparlante.

Come vedi, non puoi acquistare il primo amplificatore che ti capita di trovare su Internet in offerta, perché rischi che i danni superino i benefici. Se hai già degli altoparlanti, controlla il loro valore RMS prima di acquistare l’amplificatore. Diversamente, se intendi acquistarli insieme, controlla sul momento tutti i valori.

Se guidi un’auto sportiva possono bastare 50 watt di potenza per canale, mentre per una macchina più grossa orientati sui 75 watt. Se vuoi ancora più potenza di suono puoi optare per un amplificatore da 100 watt. Ricorda che gli altoparlanti dovranno avere un valore RMS pari o superiore.

Di quanta potenza hai bisogno per un subwoofer

Il subwoofer è lo strumento che ti permette di aumentare i bassi e fonderli in modo armonico con il resto del sistema audio affinché siano potenti ma non fastidiosi.

Nel caso del subwoofer valgono le stesse considerazioni fatti in relazione agli altoparlanti: tutto dipende dall’impianto che hai a disposizione. Nel caso in cui tu voglia migliorare la radio originale della tua auto, una potenza compresa tra i 50 e i 200 watt è sufficiente per far funzionare al meglio il subwoofer.

Più crescono i watt a canale degli altoparlanti, più deve crescere anche la potenza per i bassi. Se, ad esempio, il tuo sistema possiede 100 watt a canale, al subwoofer serviranno almeno 1.000 watt.

Il principio è il medesimo, il valore RMS massimo del subwoofer dovrà coincidere o superare il valore dell’amplificatore affinché tutto il sistema funzioni al meglio. Molti sono convinti che comprare gli altoparlanti e il subwoofer più potenti sul mercato sia un affare, ma se i due strumenti non dialogano alla perfezione, il sistema non funzionerà e i soldi saranno irrimediabilmente persi.

Nel caso in cui tu stia cercando di migliorare uno stereo di fabbrica, compra un amplificatore apposito per il subwoofer con gli ingressi agli altoparlanti, così da poter sfruttare quelli della casa madre.

Durante la scelta devi tenere conto delle specifiche tecniche come la distorsione armonica totale e il rapporto tra segnale e rumore, ma anche dei collegamenti, dei canali, della qualità dei circuiti della velocità di risposta, del fattore di smorzamento dei movimenti degli altoparlanti e soprattutto delle parti fisiche che possiede.

Ti serve un solo amplificatore per il subwoofer?

La scelta dell’amplificatore per il tuo subwoofer non deve essere frutto del caso, perché il subwoofer è uno strumento molto particolare. Amplificare i bassi, infatti, è molto più complesso rispetto a tutte le altre componenti del suono.

Cosa implica questo? Che servono degli amplificatori molto robusti e studiati appositamente per lavorare con questi toni e portarli al massimo.

Quelli appositi sono i cosiddetti amplificatori per auto a 1 canale, i quali possiedono una serie di funzionalità e di controlli progettati per gestire al meglio la riproduzione dei bassi senza distorcere il suono o surriscaldarsi.

Il problema del calore caratterizza invece altri due modelli molto diffusi sul mercato, ovvero gli amplificatori per auto a 2 canali e gli amplificatori per auto a 4 canali. Benché possano essere collegati a un subwoofer nella pratica, il rischio è proprio quello che si surriscaldino e si blocchino, vanificando il motivo per cui sono stati comprati.

Durante l’acquisto ti consigliamo di controllare sempre la temperatura massima a cui la scheda può arrivare prima che si attivi il sistema di sicurezza.

Tra le altre specifiche che devi considerate troviamo la compatibilità con gli altri dispositivi audio, non sempre garantita nel caso di pezzi acquistati a prezzi stracciati, e il numero di ingressi e selettori per realizzare tutti i collegamenti con le altre componenti del sistema.

Ricorda che per una corretta riproduzione del suono spesso è necessario acquistare un amplificatore apposito per il subwoofer rispetto a quello utilizzato per la radio e gli altoparlanti.

Ricorda di non sottovalutare la potenza degli altoparlanti

amplificatore per auto

Nel momento in cui vuoi migliorare la qualità del suono del tuo impianto non devi pensare solamente all’amplificatore. Tanti credono erroneamente che un amplificatore potente produrrà un suono forte, ma non è così.

Non serve l’amplificatore più costoso in commercio per ottenere un volume elevato. Devi invece considerare la potenza degli altoparlanti in relazione alla dimensione del tuo abitacolo.

Per quanto riguarda gli altoparlanti, il primo consiglio che ti diamo è quello di controllare la compatibilità. Gli amplificatori infatti supportano alcuni modelli, ma non tutti. Leggendo le specifiche di entrambi i dispositivi potrai assicurarti della corrispondenza.

Potrai scoprirla controllando il valore “ohm” che troverai nella scheda tecnica. Generalmente, gli amplificatori hanno ohm compresi tra 6 e 12, mentre per gli altoparlanti si va da tra 4 e 8. Affinché tutto funzioni al meglio, il valore dell’amplificatore dovrebbe essere inferiore rispetto a quello dell’altoparlante.

Dopodiché, devi preoccuparti della potenza che è quel valore di cui parlavamo poco fa espresso in watt. Un tempo molte persone collegavano un amplificatore a pochi watt con altoparlanti a molti watt, ma non è così che si fanno lavorare in sinergia gli strumenti. Ricordati di tutto ciò che abbiamo detto circa l’abbinamento di altoparlanti e subwoofer.

Infine, molto importanti sono anche i decibel (dB), ossia quanto sarà forte il suono a un metro di distanza e a 1 watt di potenza. Se l’altoparlante ha una sensibilità in decibel più elevata produrrà un suono più forte compensando la potenza dell’amplificatore.

L’abitacolo dell’auto, essendo uno spazio abbastanza ridotto, non ha bisogno di altoparlanti così potenti come quelli che servirebbero in una stanza.

In conclusione, ciò che devi tenere a mente è di non collegare altoparlanti a un amplificatore con una potenza troppo superiore o troppo inferiore per evitare surriscaldamenti o blocchi di altro genere.

Quanti canali dovrebbe avere il tuo amplificatore

Quanto compri un amplificatore una delle considerazioni principali deve ricadere sul numero di canali.

Cosa cambia da un modello all’altro? In linea generale, dovresti scegliere un amplificatore con un numero di canali pari al numero di altoparlanti che intendi collegare.

Abbiamo già anticipato il fatto che gli amplificatori per auto a 1 canale sono i più indicati per quanto riguarda i subwoofer.

Gli amplificatori per auto a 2 canali sono i più gettonati nel momento in cui devi sostituire la parte anteriore degli altoparlanti. Nel caso in cui il tuo amplificatore possieda più canali, puoi anche pensare di collegarne due insieme per alimentare un altoparlante.

Esistono poi gli amplificatori per auto a 3 canali, un modello intermedio tra il monocanale e il 5 o 6 canali. Con un dispositivo ridotto puoi gestire un numero già interessante di dispositivi senza rischiare di compromettere le prestazioni.

Passiamo agli amplificatori per auto a 4 canali, una tecnologia particolarmente recente che permette di ottenere un ottimo suono con dimensioni ridotte. La loro qualità aumenta nel caso di modelli di classe D.

Cosa vuol dire amplificatore in classe D? Un amplificatore che possiede un’elevatissima efficienza e che è in grado di utilizzare tutta l’energia elettrica a disposizione per potenziare il segnale audio. Utilizzando l’energia elettrica nella sua totalità riesce a restituire un suono molto forte. I prodotti di questa classe sono quelli che rendono di più in assoluto, per questo generalmente hanno un prezzo più elevato rispetto ai modelli delle altre classi.

Ci sono poi gli amplificatori per auto a 5 canali, dove 4 canali sono generalmente dedicati agli altoparlanti e uno al subwoofer.

Infine, esistono gli amplificatori per auto a 6 canali, dove 4 canali sono per gli altoparlanti e 2 per il subwoofer.

Scegli uno dei nostri amplificatori e migliora il sound della tua auto

Se al principio di questa guida pensavi che esistesse un’unica tipologia di amplificatore, ora hai abbastanza elementi in mano per riuscire a scegliere il modello più adatto alle tue esigenze in base ai dispositivi elettronici che già possiedi e al risultato che vuoi raggiungere.

Il principale consiglio sull’amplificatore per auto che devi ricordare è che questo, per rendere al massimo, deve lavorare in sinergia sia con gli altoparlanti che con il subwoofer, se hai intenzione di installarne uno.

E se ti stai chiedendo quali sono le migliori marche di amplificatori per auto, sappi che Tech&Sound System è leader a livello nazionale nel campo dell’audio. Nel nostro store troverai tantissimi modelli di autoradio, amplificatori professionali, altoparlanti e subwoofer.

Potrai contattarci in ogni momento attraverso la chat presente sul sito per chiederci, in tempo reale, consigli sui migliori dispositivi da acquistare. Il nostro staff di esperti saprà guidarti verso l’amplificatore giusto per te, quello in grado di farti raggiungere esattamente al suono che ti aspetti di ottenere.

Visita subito il nostro shop online sempre aggiornato con nuovi prodotti e offerte speciali.